Come smettere di mangiarsi le unghie

0
1541

Che dire… è una questione spinosa. In tante ci provano, in poche riescono.
Io ero una mangiatrice di unghie seriale, soffrivo di onicofagia pesante!
Un giorno poi ho deciso di smettere (perchè volevo imparare a suonare la chitarra e ad arpeggiare, ma questa è un’altra storia).

Sicuramente è inutile dire alle “mangiatrici seriali” che l’onicofagia trasferisce batteri dalle mani alla bocca e viceversa, può far sanguinare le pellicine, oppure che può danneggiare lo smalto dei denti e le gengive, o ancora  possono provocare alitosi o mal di stomaco! Per  non parlare del fattore estetico.

Per combattere l’onicofagia è importante capire la causa.
Perchè vi mangiate le unghie? Per stress? Rabbia? Noia? Tensione?
Cercate di capirlo ed agite di conseguenza, ora qualche consiglio per smettere di mangiare le unghie. Andiamo per gradi, dal più soft al più strong!

[column col=”1/2″]

smettere-mangiare-unghie-onicofagia1. Il tuo wallpaper

Il primo step (che con me non sarebbe mai servito, vista a gravità del mio caso) è mettere una bella nailart come sfondo del vostro computer e convincervi che tra soli 30 giorni potrete avere unghie simili.
Una soluzione da vere puriste. Ci vogliono tanta determinazione e volontà.
[/column]
[column col=”1/2″ last=”true”]

smalto-onicofagia2. Smalto stop-biting

Lo smalto anti-rosicchio può essere d’aiuto. Io l’ho provato anche se con scarso successo…
Vantaggi:
– Ha un sapore davvero pessimo, amaro…  (se ti piacciono i sapori amari lo amerai 😀 )
– Dovrebbe far passare la voglia di mettere le mani in bocca, peccato che la maggior parte delle volte vi dimenticherete di averlo…

Svantaggi:
– Va applicato spesso
– Rende amara ogni cosa che passa sotto le nostre mani

In commercio ce ne sono veramente tanti come per esempio Mavala, Kiko, Unghial.[/column]
[column col=”1/2″]

onicofagia-smettere-mangiare-unghie3. Tieni impegnata la tua bocca

Già, avete letto bene. Vi viene l’estrema voglia di unghie? Masticate un chewing gum, non sentirete il bisogno di smangiucchiarvi le vostre povere e martoriate unghie.
No, non è un’idea salutare per il vostro stomaco ma a mali estremi, estremi rimedi.
Se la gomma americana è troppo potete provare con delle caramelle (senza zucchero), un pezzetto di cioccolata fondente, un pezzetto di frutta

[/column]

[column col=”1/2″ last=”true”]

onicofagia-smettere-mangiare-unghie24. Kit di sopravvivenza

Quando inziate a masticare inevitabilmente l’unghia si spezzetta ed allora volete correggere lo scalino creatosi, quindi con i denti lavorate attorno come delle certosine e via così.
Se vi scappa il morso letale che spezza l’unghia è ora di utilizzare il kit di sopravvivenza composto da una lima di cartone d’emergenza e dello smalto trasparente.
Date una limata per pareggiare quell’antipatico spigolo che sennò distruggereste con i vostri dentini.

[/column]

[column col=”1/2″]

onicofagia-manicure-estetista5. Iniziate con una manicure

Non volete unghie belle, curate e sane? E allora iniziate facendovi una bella manicure. Se proprio non siete pratiche potete andare da un’estetista professionista che vi toglierà le cuticole e cercherà di dare una forma alle vostre unghie rimanenti.
Quando avrà finito vi dispiacerà torturare delle mani così belle…[/column]
[column col=”1/2″ last=”true”]

onicofagia-smalto-semipermanente6. Smalto semipermanente

E’ adatto per quelle che hanno ancora un pò di unghie rimaste. Chi ha l’unghia particolarmente danneggiata dovrebbe evitare. E’ importante farsi consigliare dalla vostra estetista di fiducia 🙂
Lo smalto semi permanente è una sorta di gel che viene applicata dall’estetista sulle vostre unghie. Viene asciugato nel fornetto con le lampade UV per indurirlo. E’ un’operazione che dura sui 40 minuti circa e vi assicura uno smalto impeccabile, brillante e IMMORDIBILE per almeno 20 giorni. E’ uno strato duro, che vi impedirà di sbranare l’unghia. E poi avrete una bellissima manicure fatta!
[/column]

Commenti

Commenti

LASCIA UN COMMENTO