Furry nails: New York e Londra vogliono le unghie pelose

0
507

145938756-37dffcdd-8124-41cf-adfd-a9bd8e07a236

Arriva direttamente dalle sfilate targate Libertine di New York Fashion Week e Londra l’ultima estrema tendenza delle furry nails, le unghie pelose, che stanno già facendo discutere i social network con pareri nettamente contrastanti, tra il disgusto ed il grande entusiasmo per questa follia estetica.

Chi impazzisce e vuole provarle e chi è convinto sia tutta una messinscena da passerella.

L’idea bizzarra è venuta a Jan Nordstrom Arnold, direttrice di CND (Creative Nail Design, azienda specializzata in prodotti per manicure, che fornisce grandi firme della moda come Oscar de La Renta, Cynthia Rowley e Carolina Herrera).

Questa azienda è famosa per le sue unghie scolpite a forma di occhi ed artigli da diavolo super affilati.

162447298-2d78047a-c638-4451-bc43-afdfd044e11f

Una provocazione o solo un gioco diverso?

E’ stata definita l’evoluzione della nail art ma, in realtà, gli eco-ciuffi da donna lupo delle furry nails sono associabili più ad una figura femminile atavica, un ritorno al primitivo, all’ancestrale, alla donna selvatica più che chic o evoluta.

Chissà, forse non è altro che una provocazione mirata a stuzzicare l’eccessiva mania per la depilazione, né più né meno come le ascelle incolte di certe star della musica e dello spettacolo. E, poi, a pensarci bene, un’idea del genere non ci è nuova.

Queste furry nails ci riportano alle unghie effetto velluto di moda qualche anno fa.

Materiali e applicazione delle furry nails

Come si applicano le furry nails?

La base è realizzata con uno smalto di colore beige o tortora: su questo smalto vengono applicati ciuffetti (beige o marrone, ma anche in colori più vivaci o bianchi) con una colla aderente solitamente impiegata per applicare le unghie finte.

Lo smalto speciale usato dalla Arnold si chiama Vinylux Weekly Polish: asciuga in fretta e dura 7 giorni.

Se avete le unghie cosiddette a mandorla, queste nails all’ultimo grido aderiscono perfettamente.

Meglio lasciar perdere, invece, se avete unghie troppo corte.

L’effetto finale nell’indossare questi eco-ciuffi è tattile, eccentrico, divertente, decisamente anomalo.

Probabilmente, la CND in persona di Jan Nordstrom Arnold starà già pensando a come renderle più pratiche ed indossabili nella vita di tutti i giorni.

162447294-fd3e4803-ebcd-45aa-b056-ce715094b0f6

Un capriccio da sfilata o scoppierà la moda?

Negli Stati Uniti, in particolare, sono già tutti pazzi per le furry nails e, intanto, non sono in pochi a chiedersi come si possano svolgere le normali attività di tutti i giorni con queste unghie (cucinare, scrivere, lavarsi, con tanti altri eccetera).

Chi vuole azzardare e poi, magari, ci ripensa può rimuoverle facilmente con acetone da passare più volte.

Sarà un capriccio da sfilata destinato a svanire nel nulla? O, spinte magari da qualche celebrities, le unghie pelose sono destinate a diventare una moda per l’autunno/inverno 2016 all’insegna della “bellezza delle imperfezioni” come la chiama la Arnold?

Solo il tempo potrà risponderci.

Commenti

Commenti